Contenuto principale

Messaggio di avviso

IL SINDACO
PREMESSO
CHE l’Organizzazione Mondiale della Sanità il 30 gennaio 2020 ha dichiarato l’epidemia da COVID -19 un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale e in data 11 marzo 2020 è stata valutata come “pandemia” in considerazione dei livelli di diffusività e gravità raggiunti a livello globale;
CHE con Delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020 è stato dichiarato lo stato di emergenza sul territorio nazionale in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili, sino al 31 luglio 2020, prorogato con diverse deliberazioni del Consiglio dei Ministri, fino al 31 gennaio 2021; Numerosi DPCM (fino al DPCM del 3 novembre 2020) hanno disposto misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 sull’intero territorio nazionale, prescrivendo misure restrittive alla mobilità individuale al fine di prevenire gravi situazioni di diffusione del contagio, tenendo conto degli sviluppi dell’andamento epidemiologico, vietando in ogni caso fenomeni di assembramenti sociali e raccomandando il distanziamento sociale (distanza di sicurezza interpersonale);
PRESO ATTO
che il Presidente del Consiglio dei Ministri considerato l’evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento sul territorio nazionale, ha previsto nel nuovo DPCM datato 3 novembre 2020 ulteriori misure stringenti per contrastare la diffusione del nuovo coronavirus assunte in seguito all’analisi dei dati epidemiologici sulla diffusione dell’epidemia, ivi compresa la possibilità di disporre la chiusura al pubblico delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento (art. 1 comma 4);
VISTI i provvedimenti adottati dal Presidente della Giunta della Regione Campania;
CONSIDERATO l’evolversi della situazione epidemiologica a livello internazionale e il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia da COVID-19;
STANTE il rischio di possibili assembramenti nel territorio comunale per l'oggettiva difficoltà, specie in alcune fasce orarie della giornata, di contenere la presenza di persone che affollano i pubblici esercizi, strade e piazze cittadine;
TENUTO CONTO della necessità di ricorrere al potere contingibile e urgente, allo scopo di contrastare la diffusione dell’emergenza epidemiologica, adottando misure efficaci di contenimento della propagazione del virus, a tutela della salute dei cittadini, a fronte dell’incremento dei casi registrati nel territorio cittadino;
RILEVATO che dall’attività di contrasto messa in campo dalla Polizia Municipale e FF.OO è emerso che:

nelle piazze principali del territorio (piazza Annunziata, Piazzetta Darsena, via Roma Via degli Oleandri, Via dei Martiri di Castel Volturno –durante il mercato settimanale- etc…) gli afflussi di persone, sono molto consistenti;

RILEVATO:

  • che per arginare il diffondersi dell'emergenza epidemiologica e altresì a tutela della cittadinanza più fragile, diventa più che mai essenziale mettere in campo le azioni più incisive rivolte ad evitare i contatti tra le persone fisiche e che a questo scopo appare fondamentale confermare l'obbligatorietà dell’utilizzo delle mascherine sia al chiuso che all'aperto;
  • che è necessario arginare la mobilità delle persone che vagabondano per le strade del territorio comunale, spesso in gruppo, e che si rendono responsabili di condotte che amplificano i rischi per la salute e per la sicurezza dei cittadini;
  • che sono presenti numerosi spazi aperti al pubblico, non recintanti o delimitati da strutture e non risulta, pertanto, praticabile costituire presidi fissi da parte delle forze di polizia per evitare assembramenti di persone e il rischio di contagio tra le stesse;

RITENUTO

utile e necessario garantire un elevato livello di protezione e distanziamento sociale al fine di contenere il diffondersi della citata epidemia nel territorio del Comune di Castel Volturno;

VISTO l’art. 32 della legge 833/1978 che attribuisce al Sindaco, in qualità di autorità sanitaria locale, competenze in materia di adozione dei provvedimenti a tutela della salute pubblica;

VISTA la legge 689/1981;

RICHIAMATO il D.Lgs n.267/2000 nella parte in cui disciplina le prerogative del Sindaco, e in particolare l'art. 50 del suddetto decreto;

VISTO l’articolo 117 del Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n.112, in materia di conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni e agli enti locali;

ORDINA

E’ sospeso il mercato settimanale per il giorno 05 dicembre 2020;

DISPONE

Che la presente Ordinanza sia affissa all'Albo Pretorio del Comune di Castel Volturno e ne sia data pubblicità a mezzo stampa e attraverso il sito internet del Comune.

Demanda alla Polizia Municipale e alle Forze dell'Ordine presenti sul territorio, il controllo sul rispetto della presente ordinanza.

AVVERTE

Ai sensi dell'art 3 della Legge n.241/90, avverso il presente provvedimento è ammesso il ricorso al T.A.R. entro il termine di 60 giorni dalla pubblicazione della presente, ovvero ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro il termine di 120 giorni.

La presente ordinanza è notificata a:

  • Polizia Municipale, SEDE;
  • Stazione Carabinieri di Castel Volturno e Pinetamare;
  • Polizia di Stato Pinetamare;
  • Prefettura, Ufficio territoriale del Governo, Caserta
  • Guardia di Finanza di Mondragone.

Il Vicesindaco
PASQUALE MARRANDINO / ArubaPEC S.p.A.

Clicca qui per scaricare l'ordinanza